Breaking News:
  • Registrati

Scienzaonline

Home Astronomia Astronomia Poca "oscurità" nell'Universo remoto

Poca "oscurità" nell'Universo remoto

(0 voti, media 0 di 5)

 

Uno studio condotto sulla base delle rilevazioni dell'osservatorio ESO VLT, svela che nelle galassie più distanti e antiche la materia oscura scarseggia mentre la fa da padrona nei dintorni della Via Lattea. La ricerca si basa sul calcolo delle velocità di rotazione.

Quanto “pesa” la materia oscura ai confini del cielo? Meno del previsto, a quanto sembra. Un gruppo internazionale di ricerca, guidato da Reinhard Genzel del Max Planck Institute for Extraterrestrial Physics, ha utilizzato gli strumenti KMOS and SINFONI istallati sul Very Large Telescope dell’ESO per misurare la velocità di rotazione di sei galassie massive e brillanti nell’Universo remoto, a caccia di indizi sulla misteriosa componente di cui si fa un gran parlare… ma che nessuno ha mai visto. A differenza infatti della cosiddetta materia normale - composta da stelle scintillanti, gas incandescente e polvere – l’elusiva materia oscura non è facile da individuare: non emette o assorbe né riflette luce e la sua presenza può essere presunta solo a partire dagli effetti gravitazionali che genera sugli oggetti che circonda.

Le osservazioni condotte attraverso gli” occhi” elettronici VLT avevano l’obiettivo di determinare il ruolo giocato dalla materia oscura nel moto delle galassie. In particolare, lo studio - apparso su Nature con il titolo "Strongly baryon dominated disk galaxies at the peak of galaxy formation ten billion years ago” - intendeva fornire prove a sostegno della tesi per cui la presenza della dark matter spingerebbe le parti più esterne di galassie a spirale vicine alla Via Lattea a ruotare più velocemente di quanto farebbero se fossero formate dalla sola materia normale. In pratica, nelle galassie vicine c’è materia oscura e la sua presenza “si vede” dal ritmo che impone.

La ricerca rivela però che, se l’accelerazione nel moto imputabile all’elusiva componente è verosimile (ed accettata) nei sistemi più prossimi, le cose vanno diversamente nell’Universo remoto. Nelle galassie a spirale più antiche (e distanti), le regioni più esterne delle sembrano muoversi più lentamente di quanto facciano le zone più vicine al nucleo galattico. Il che fa supporre che se la velocità di rotazione è legata alla quantità di materia oscura, nelle galassie più vecchie e lontane – e più lente ai rispettivi confini - la materia oscura scarseggi. Se confermati da ulteriori dati, gli studi avvalorerebbero la ricostruzione storica fatta dagli astronomi: 3 o 4 miliardi di anni dopo il Big Bang in gas (quindi la materia normale) si condensava formando dischi piatti di rotazione mentre la materia oscura si “spalmava” tutta intorno, impiegando milioni di anni in più per trovare una sua collocazione. Per questo motivo, la misteriosa componente avrebbe un “peso” maggiore nelle galassie più recenti.

 

Non hai i permessi per commentare

VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

LAVORI IN CORSO

LAVORI IN CORSO - Nuovo sistema di gestione in collaudo
VI PREGHIAMO DI SCUSARCI PER I DISAGI
STIAMO IMPORTANDO IL DATABASE DI
TUTTI GLI ARTICOLI DI SCIENZAONLINE
DAL 2003 AD OGGI

SCIENZAONLINE.COM

  • Ultime News
  • News + lette
Il Grafene, il nano-materiale che migliorerà la nostra vita

Il Grafene, il nano-materiale che...

2010-11-23 00:00:00

Musicolor

Musicolor

2009-02-18 00:00:00

I Della Robbia e la storia della terracotta invetriata

I Della Robbia e la storia della...

2009-03-18 00:00:00

Giovanni Papi - Prata Caelestia

Giovanni Papi - Prata Caelestia

2009-11-17 00:00:00

Autorizzazioni

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew 
Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

 

Hot Topic

Ultimi Commenti

X

.

Pubblica il tuo Articolo

Hai scritto un Articolo scientifico? Inviaci il tuo articolo, verrà valutato e pubblicato se ritenuto valido! Fai conoscere la tua ricerca su Scienzaonline.com!

Ogni mese la nostra rivista è letta da + di 50'000 persone

Information

Information

Ultime News

Così la materia soffice ‘si rilassa’

Così la materia soffice ‘si...

2017-04-26 10:34:09

Studio FBK sul virus Zika pubblicato dalla rivista internazionale PNAS

Studio FBK sul virus Zika pubblicato...

2017-04-26 10:16:07

Orbita a rischio febbre

Orbita a rischio febbre

2017-04-21 12:00:00

Ionosfera col segno meno

Ionosfera col segno meno

2017-04-19 07:28:04

Redazione

Contatta la Redazione di Scienzaonline.com per informazioni riguardanti la rivista
Pagina Contatti

Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information