Articoli filtrati per data: Venerdì, 19 Gennaio 2018

 Magnetismo attivato dalla luce nelle nanoparticelle di un materiale semiconduttore

La scoperta del team di ricerca internazionale guidato da Sergio Brovelli del dipartimento di Scienza dei materiali dell’Università Bicocca apre alla possibilità di realizzare materiali ad alte prestazioni per la realizzazione di computer ottici.

 

Usare la luce, al posto dei consueti metodi di scrittura elettrici e magnetici, permetterà di potenziare i computer ottici e le memorie di dati. L’inserimento di pochi atomi di argento – elemento di per sé non magnetico – induce un forte comportamento magnetico nelle nanoparticelle di un materiale semiconduttore quando queste vengono illuminate. Il magnetismo attivato dalla luce, persistente nel tempo e rilevabile otticamente, può diventare l’elemento di base dei dispositivi di immagazzinamento dei dati di nuova generazione. Lo rivela lo studio “Excitonic pathway to photoinduced magnetism in colloidal nanocrystals with nonmagnetic dopants” (DOI:10.1038/s41565-017-0024-8), pubblicato sulla rivista Nature Nanotechnology. La ricerca è stata realizzata dal team guidato da Sergio Brovelli docente di Fisica sperimentale presso il dipartimento di Scienza dei Materiali dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, in collaborazione con il gruppo del professor Jiatao Zhang dell’Istituto di Tecnologia di Pechino in Cina, la professoressa Margherita Zavelani Rossi del Politecnico di Milano e il dottor Scott A. Crooker del laboratorio nazionale di Campi magnetici elevati (HMFNL) di Los Alamos (USA).

Pubblicato in Tecnologia

 Soluzioni fotoniche innovative sia tecnologiche che architetturali per lo sviluppo della futura rete di comunicazione di tipo metropolitano, a basso costo e ridotto consumo energetico, capaci diassicurare un rate di trasmissione di oltre 100 Tb/s per collegamento e una capacità di commutazione di oltre 1 Pb/s per nodo. Sono l’ambizioso obiettivo del progetto PASSION (Photonic technologies for progrAmmable transmission and switching modular systems based on
Scalable Spectrum/space aggregation for future agIle high capacity metrO Networks) avviato dal Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria del Politecnico di Milano, con il supporto di Fondazione Politecnico di Milano, insieme ad altri 12 partner (CTTC, Telefonica e VLC Photonics – Spagna, TUE e Effect Photonics – Olanda, Vertilas – Germania, VTT – Finlandia, Opsys Technologies – Israele, SM Optics – Italia, EPIC – Francia, NICT – Giappone, ETRI – Corea del Sud). Un progetto triennale finanziato dal programma Horizon 2020 della Commissione Europea sotto l’egida della Photonic Private Partnership (PPP) Photonics21, con un budget complessivo di 8,5 milioni di euro. Negli scorsi 10 anni si è assistito ad un continuo sviluppo della rete in fibra ottica per applicazioni nell’ambito metropolitano. Oggi, tuttavia, sperimentiamo “un collo di bottiglia” nella trasmissione e nell’indirizzamento dell’enorme quantità di dati dovuta al drastico aumento degli utenti, alla dimensione dei contenuti e alla convergenza con altre reti come quella mobile e datacom.

Pubblicato in Tecnologia

Uno studio coordinato dall’Irgb-Cnr ha dimostrato l’efficacia sperimentale di un nuovo approccio terapeutico per il trattamento di disturbi cardiovascolari, che mima il comportamento delle particelle inquinanti quando attaccano il sistema cardiocircolatorio. La ricerca, condotta nell’ambito del progetto europeo ‘Cupido’, è pubblicata su Science Translational Medicine

Ricercatori dell’Istituto di ricerca genetica e biomedica (Irgb) del Consiglio nazionale delle ricerche di Milano in collaborazione con i colleghi dell’Istituto di scienza e tecnologia dei materiali ceramici (Istec) del Cnr di Faenza hanno messo a punto un approccio terapeutico innovativo e non invasivo per il trattamento dei disturbi cardiovascolari, ad oggi la prima causa di morte nel mondo. Il metodo, descritto su Science Translational Medicine, è basato sull’inalazione di nanoparticelle ‘caricate’ con farmaci capaci di arrivare rapidamente al cuore. La ricerca è stata condotta nell’ambito di ‘Cupido’, progetto europeo di cui il Cnr è coordinatore, che ha lo scopo di individuare nuove soluzioni terapeutiche basate sulle nanotecnologie in ambito cardiovascolare.

Pubblicato in Medicina

 

New research, published today in Nature Scientific Reports, not only implies a link between catastrophic volcanic eruptions and landslides, but also suggests that landslides are the trigger.  At the heart of Tenerife and standing almost 4 km high, Teide is one of the largest volcanoes on Earth. Over a period of several hundred thousand years, the previous incarnations of Teide have undergone a repeated cycle of very large eruptions, collapse, and regrowth. Previous research by scientists at the National Oceanography Centre (NOC) revealed that past eruptions may have been linked to huge multi-stage submarine landslides, based on similar ages and composition of landslide and volcanic deposits.
By studying these landslide deposits further, NOC scientists noticed that material from explosive volcanic eruptions was only found in the uppermost layers of each landslide deposit. This demonstrates that the initial stages of each landslide occurred underwater and before each eruption, whilst in each case the later stages of terrestrial landsliding occurred after the eruption. These results suggest that the initial stages of the landslides may have triggered each of the eruptions. 

Pubblicato in Scienceonline
Venerdì, 19 Gennaio 2018 08:54

A new technique to cure neurological disorders


The human brain uses the signals that come from the senses to adjust its behavior: for example, we hurry to turn off the stove if we feel the smell of burned from the roast that we are baking. In people suffering from neurological or psychiatric illnesses such as stroke, multiple sclerosis, schizophrenia, these mechanisms are compromised and the processing of incoming sensory signals is altered due to communication distortions in neuronal networks. A way to restore normal functioning was studied by researchers from the Institute of Cognitive Sciences and Technologies of the National Research Council (Istc-Cnr), which have developed a new non-invasive and personalized electrical stimulation technique, called transcranial Individual neuroDynamics Stimulation (tIDS), which can modify the excitability of the target region, with greater efficacy than today's methods. The study, made with the contribution of the Medical Statistics Service of the Fatebenefratelli-Isle Tiberina Foundation, was published in the Journal of Neuroscience.

Pubblicato in Scienceonline

 

 

Around 400 million people world-wide suffer in some form or other from a grass pollen allergy (rhinitis) – with the usual symptoms such as a runny nose, cough and severe breathing problems. In collaboration with the Viennese firm Biomay AG, MedUni Vienna researchers at the Institute of Pathophysiology and Allergy Research have now shown in a Phase II-b study with 180 patients in 11 European centres, that four injections of the synthetically manufactured vaccine BM32 in the first year and a top-up in the second year of treatment relieve the sufferers' symptoms by at least 25%. Immunotherapy with BM32 is based on an innovative recombinant peptide-carrier technology, which requires far fewer injections and has fewer side-effects than other immunotherapies for allergy sufferers. This technology was developed at the Christian Doppler Laboratory for Allergy Research at MedUni Vienna, under the direction of Rudolf Valenta, in collaboration with Viennese partner company Biomay AG (CEO: Rainer Henning). This company specialises in discovering and developing innovative allergy therapeutics.

Pubblicato in Scienceonline


Extraction of a wood sample for the analysis of Black pine annual growth ring in the national park of Aigüestortes and Estany de Sant Maurici (image: Emilia Gutiérrez /J.Julio Camarero)

 

A new study shows the chemical register of climate change and global episodes such as volcanic eruptions in high-mountain centennial forests in the Iberian Peninsula (Spain).

In September 1730, a large eruption in the Timanfaya volcano (Canary Islands, Spain) completely changed the morphology of Lanzarote. Atmospheric changes that caused volcanic eruptions centuries ago, such as the one in Timanfaya or the Tambora volcano (Indonesia) –which hid the sunlight for months-, had an impact on high-mountain centennial forests in the Iberian Peninsula, as stated in an article published in the journal Science of the Total Environment in which the lecturer Emilia Gutiérrez, from the Faculty of Biology of the University of Barcelona, has taken part. The chemical traces from the released gases into the atmosphere by these volcanic eruptions can be now identified in the oldest coniferous Pyrenean forests, according to the study. In particular, eruptions such the Timanfaya’s in Lanzarote ─one of the strongest in the country due its duration until 1736 and the amount of thrown material─ and Tambora’s ─one of the biggest volcanic episodes, which led to a “year without summer” in 1816─ released big amounts of iron that altered the chemical composition of the annual Pyrenean tree rings. According to this article, the study of the records of tree growth rings (dendrochronology) could help to see the frequency and intensity of the volcanic phenomena in modern times.

Pubblicato in Scienceonline
 
 
Si chiamano "novel food". E sono gli insetti ammessi alla commercializzazione per scopi alimentari sulla base del Regolamento (UE) 2015/2283, in un regime di "tolleranza". Un regolamento Ue che si applica dal primo gennaio 2018 Ue sui "novel food" e che permettera' di riconoscere gli insetti interi sia come nuovi alimenti che come prodotti tradizionali da paesi terzi, aprendo di fatto alla loro produzione e vendita anche in Italia. Ne aveva parlato per prima la Coldiretti, nell'ottobre scorso, suscitando parecchio sconcerto tra i consumatori. In quell'occasione furono anche resi noti i risultati di un'indagine che sottolineava come il 54% degli italiani non ne volesse sapere di ritrovarsi insetti nel piatto e non per un incidente in cucina ma per scelta di menu. La novita' e' che il ministero della Salute e' intervenuto, precisando che e' stato comunque stabilito che per tali specie deve essere presentata una domanda di autorizzazione ad hoc per definire le condizioni di garanzia della sicurezza d'uso prima della loro libera circolazione sul mercato Ue. Gli Stati membri che ne hanno ammesso la commercializzazione prima del 1 gennaio 2018 possono continuare a mantenerle sul loro mercato ma dato che in Italia fino ad oggi non e' stata ammessa alcuna commercializzazione di insetti e quindi la commercializzazione come alimento di un insetto o di un suo derivato, essa potra' essere consentita solo quando sara' rilasciata a livello Ue una specifica autorizzazione in applicazione del regolamento 2015/2283.
Pubblicato in Eventi

 


La legge sul biotestamento e' stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 16 gennaio. Di seguito l'analisi del testo articolo per articolo: Articolo 1 (Consenso informato) Detta detta le linee generali di disciplina del consenso informato, prevedendo che nessun trattamento sanitario possa essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata, tranne che nei casi espressamente previsti dalla legge. Viene richiamato il rispetto dei principi di cui agli articoli 2, 13 e 32 della Costituzione e di cui agli articoli 1 (Dignita' umana), 2 (Diritto alla vita) e 3 (Diritto all'integrita' della persona) della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea. Viene promossa e valorizzata la relazione di cura e di fiducia tra paziente e medico, che trova il suo presupposto e atto fondante nel consenso informato nel quale si incontrano l'autonomia decisionale del paziente e la competenza l'autonomia professionale e la responsabilita' del medico. Nella relazione di cura vengono coinvolti se il paziente lo desidera, anche i suoi familiari, o la parte dell'unione civile, o il convivente oppure una persona di sua fiducia.

Pubblicato in Medicina

 

 

Il cervello umano usa i segnali che gli giungono dai sensi per adeguare a essi i comportamenti: per esempio, affrettarsi a spegnere il fornello quando si sente che dall'arrosto arriva odore di bruciato. Nelle persone affette da malattie neurologiche o psichiatriche come ictus, sclerosi multipla, schizofrenia, questi meccanismi sono compromessi e l'elaborazione dei segnali sensoriali in arrivo e' alterata a causa di distorsioni nella comunicazione nelle reti neuronali. Una via per ristabilire il normale funzionamento e' stata studiata dai ricercatori dell'Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del Consiglio nazione delle ricerche (Istc-Cnr), che hanno messo a punto una nuova tecnica di stimolazione elettrica non invasiva e personalizzata, la stimolazione transcranica neurodinamica individuale (tIDS), in grado di modificare l'eccitabilita' della regione target, con efficacia superiore ai metodi oggi in uso. Lo studio, realizzato con il contributo del Servizio di statistica medica della Fondazione Fatebenefratelli-Isola Tiberina, e' stato pubblicato sulla rivista Journal of Neuroscience.

Pubblicato in Medicina

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery