I nuovi inquinanti minacciano i cuccioli dell’orso polare In evidenza

05 Gen 2017 Ufficio Stampa Università di Milano-Bicocca
1512 volte

Uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Milano-Bicocca ha scoperto che il rischio rappresentato dai contaminanti organici persistenti (POP) è mille volte superiore alla soglia di sicurezza per i cuccioli di orso polare che si nutrono di latte contaminato. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista “Environmental Toxicology and Chemistry” della casa editrice statunitense Wiley.

 

Milano, 5 gennaio 2017 – Gli inquinanti minacciano la salute dei cuccioli dell’orso polare. Nell’ecosistema artico il rischio è quasi inesistente per i pesci, relativamente basso per le foche, molto elevato per gli orsi polari e drammatico per i loro cuccioli. Dato che alcune di queste sostanze inquinanti si accumulano nei grassi e il latte di mamma orsa è particolarmente grasso, il rischio per i cuccioli è di tre ordini di grandezza superiore alla soglia di sicurezza: in altre parole, almeno 1.000 volte di più.

Lo studio Risk of POP mixtures on the Arctic food chain, condotto dai ricercatori del Dipartimento di Scienze dell’Ambiente e della Terra (DISAT) e del Dipartimento di Economia, Metodi quantitativi e Strategie di impresa (DEMS), è stato pubblicato sulla rivista scientifica “Environmental Toxicology and Chemistry”, fra le principali a livello mondiale nei campi dell’Eco-tossicologia e della Chimica ambientale (S. Villa, S. Migliorati, G.S. Monti, I. Holoubek, M. Vighi, Risk of POP mixtures on the Arctic food chain; DOI: 10.1002/etc.3671).

 

Gli inquinanti organici persistenti o POP (in inglese, Persistent Organic Pollutants) sono sostanze chimiche resistenti alla decomposizione in grado di essere trasportate a grandi distanze e di persistere nel tempo anche per decenni. Queste sostanze inquinanti tendono a spostarsi soprattutto verso le aree più fredde, ovvero i poli, e si depositano nei ghiacciai di montagna. Quali sono le conseguenze sugli organismi colpiti? Gravi alterazioni che danneggiano il sistema endocrino, la riproduzione e lo sviluppo. Un esempio: i casi di ermafroditismo fra gli orsi polari si manifestano con una frequenza molto maggiore rispetto ad altre specie.

 

Alcuni POP sono stati indicati come i più pericolosi a livello planetario: è la cosiddetta “Dirty Dozen”, o “Sporca dozzina”, che richiama il titolo di un famoso film. Per combatterli, coordinandosi a livello internazionale, negli anni Settanta è nata la Convenzione di Stoccolma, alla quale hanno aderito quasi tutti gli Stati del mondo. Fra le nazioni che fanno parte dell’ONU solo sei Paesi, tra cui gli Stati Uniti d’America e l’Italia, non aderiscono alla Convenzione, sebbene il bando o il controllo dei POP sia comunque attivo. Quello di Stoccolma è un accordo in costante evoluzione: dopo la “Sporca dozzina” altre sostanze sono state messe in discussione, con due opzioni: il bando totale o forti limitazioni. Se l’uso di sostanze come DDT e PCB è bandito o limitato da decenni, per altri POP gli interventi risalgono a pochi anni fa, come per il perfluoro ottano sulfonato, noto con l’acronimo PFOS. Per altri ancora il controllo, oggi, non è ancora attivo.

 

La novità sostanziale di questa ricerca consiste nel fatto di fornire una valutazione del rischio complessivo rappresentato dalla miscela di queste sostanze nocive, di individuare i più pericolosi fra i suoi componenti e ricostruire l’evoluzione storica del rischio dagli anni Settanta ad oggi. Il rischio legato a sostanze diffuse in grandi quantità in passato ma controllate da tempo (come DDT e PCB), seppur ancora alto, è sensibilmente diminuito. Ma la composizione dei POP è mutata negli anni e il contributo dei “nuovi” inquinanti (come il PFOS), ancora inadeguatamente limitati, è in aumento.

 

Secondo gli studiosi queste sostanze hanno un impatto anche sulla salute umana: significativo, in proposito, è il caso del popolo degli Inuit, esposto in passato ad un rischio paragonabile a quello stimato per gli orsi polari. Negli ultimi anni, la situazione è migliorata grazie a un radicale cambiamento degli stili di vita e ad una alimentazione non più basata sui prodotti della caccia e della pesca locali, ma dipendente in buona parte dalla distribuzione globalizzata.

 

«Questo lavoro è il primo tentativo di quantificare il rischio complessivo dei POP per l'ecosistema artico – ha detto Sara Villa, ricercatrice di Eco-tossicologia all’Università di Milano-Bicocca – e di definire una classifica al fine di evidenziare le sostanze chimiche più pericolose nella miscela». «I risultati dimostrano che le misure di controllo internazionali sono efficaci nel ridurre il rischio per gli ecosistemi – ha aggiunto Marco Vighi, Principal Investigator presso l’IMDEA Water Institute, già docente dell’Ateneo milanese – tuttavia è fondamentale estendere l’applicazione della Convenzione di Stoccolma ai POP esistenti non ancora controllati e ai “nuovi” contaminanti di recente o futura produzione».

 

 

Per maggiori informazioni

 

Ufficio Stampa Università di Milano-Bicocca

Ultima modifica il Domenica, 07 Maggio 2017 14:20
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery