Scienzaonline - Ultimi Articoli

Una risposta contro il Covid-19: la glicoproteina lattoferrina, una componente dell’immunità innata

Una risposta contro il Covid-19: la glicoproteina lattoferrina, una componente dell’immunità innata

15 Luglio 2020

Una risposta contro il Covid-19: la glicoproteina lattoferrina, una componente...

Coronavirus (SARS-CoV-2) in mare: cosa sappiamo?

Coronavirus (SARS-CoV-2) in mare: cosa sappiamo?

15 Luglio 2020

Presentato uno studio congiunto OGS e Università degli Studi di...

Mentre la deforestazione galoppa in Brasile, in Europa arriva un grande carico di soia

Mentre la deforestazione galoppa in Brasile, in Europa arriva un grande carico di soia

15 Luglio 2020

"La "Pacific South", una nave mercantile proveniente dal Brasile con...

GLI ITALIANI TORNANO A FARE SPORT L’ORTOPEDICO BENAZZO: ECCO IL DECALOGO PER ALLENARSI IN SICUREZZA

GLI ITALIANI TORNANO A FARE SPORT L’ORTOPEDICO BENAZZO: ECCO IL DECALOGO PER ALLENARSI IN SICUREZZA

15 Luglio 2020

Dopo il periodo di interruzione, dovuto al Covid-19, la ripresa...

Cancro al colon-retto: la scoperta che facilita l’inibizione del gene “incurabile”

Cancro al colon-retto: la scoperta che facilita l’inibizione del gene “incurabile”

15 Luglio 2020

Pubblicato sulla rivista “Cancer Discovery” lo studio che suggerisce come...

Al confine fra gli stati della materia: Milano-Bicocca sintetizza il primo materiale dinamico

Al confine fra gli stati della materia: Milano-Bicocca sintetizza il primo materiale dinamico

15 Luglio 2020

Dotare la materia solida della massima mobilità possibile, senza modificare...

Proteggiamo la grande bellezza di squali e razze nel Mediterraneo

Proteggiamo la grande bellezza di squali e razze nel Mediterraneo

14 Luglio 2020

Ieri la denuncia sulla pesca illegale nel Mediterraneo con le...

Venerdì, 08 Maggio 2020


 

Uno dei pregi dell'archeologia è quello di dare corpo alla storia dando nuova vita ai reperti trovati dagli studiosi nel corso delle loro campagne di scavo. Quanto sia vero lo dimostra lo “Scavo Archeologico subacqueo della Battaglia di Capo Noli di una scialuppa Napoleonica del 1795”.

La battaglia di Noli merita qualche approfondimento storico soprattutto per l'illustre personaggio che ne uscì vittorioso. All'inizio del marzo 1795, alcune navi francesi salpano da Tolone in direzione della Corsica ma vengono raggiunti dall'avanguardia della flotta inglese costituita dalla fregata Incostant e dall'Agamemnon di Orazio Nelson che sorprendono il vascello francese Ca Ira, rimasta indietro. Il giorno successivo, gravemente danneggiata, la Ca Ira viene raggiunta dalla nave francese Censeur. Le due unità diventano quindi facile bersaglio per gli inglesi: il 14 marzo del 1795 Nelson ingaggia la battaglia di Capo Noli attaccando coraggiosamente la nave francese di classe superiore Ca Ira, impedendo lo sbarco delle truppe francesi in Corsica. Alla fine i francesi saranno costretti alla fuga lasciando agli inglesi la Censeur che viene data alle fiamme mentre la Ca Ira, ridotta ad un pontone con 3 metri di acqua nella stiva, viene catturata. E' la prima importante vittoria del capitano Nelson, futuro ammiraglio e eroe nazionale d'Inghilterra.

Pubblicato in Ambiente

 

 

Domenica 10 maggio sarà la Festa della Mamma: un giorno speciale, per celebrare il duro lavoro che ogni madre svolge nella cura dei propri figli. Noi umani siamo solo una delle tante specie al mondo in cui il ruolo della mamma è fondamentale per proteggere, nutrire e crescere i piccoli. Nel regno animale, infatti, sono molte le specie che hanno un rapporto forte e duraturo con i propri cuccioli. Gli adattamenti sono davvero tanti e differenti. Anche tra gli animali che svolgono una vita prettamente solitaria, il legame tra madre e figli appare quasi sempre unico, mentre altre specie invece crescono i piccoli all’interno di una vera e propria società. Ovviamente poi esistono specie che, in maniera simile agli umani, crescono i figli in coppia.


Le mamme solitarie


Gli Oranghi, ad esempio, in natura fanno una vita semi-solitaria: trascorrono la maggior parte del loro tempo appesi agli alberi, muovendosi rapidamente tra i rami. Gli unici oranghi che condividono la propria quotidianità con altri simili sono proprio le femmine con i loro cuccioli. Nei primi due anni di vita, i piccoli di orango si affidano totalmente alle loro madri, sia per nutrirsi che per spostarsi. Le mamme non abbandonano i loro cuccioli fino ai sei o sette anni, età in cui i cuccioli saranno autosufficienti per procacciarsi il cibo da soli, e avranno appreso dalla madre anche i trucchi per costruire il loro rifugio per dormire. A volte, anche negli anni successivi i giovani oranghi non si allontanano dalla madre, restando non distanti dal nucleo familiare che li ha cresciuti. Alcune femmine di orango, una volta diventate autonome, non si dimenticano di fare visita alla loro dolce mamma, e la vanno a trovare fino all’età di 15 o 16 anni.

Pubblicato in Ambiente

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery