Scienzaonline - Ultimi Articoli

Una risposta contro il Covid-19: la glicoproteina lattoferrina, una componente dell’immunità innata

Una risposta contro il Covid-19: la glicoproteina lattoferrina, una componente dell’immunità innata

15 Luglio 2020

Una risposta contro il Covid-19: la glicoproteina lattoferrina, una componente...

Coronavirus (SARS-CoV-2) in mare: cosa sappiamo?

Coronavirus (SARS-CoV-2) in mare: cosa sappiamo?

15 Luglio 2020

Presentato uno studio congiunto OGS e Università degli Studi di...

Mentre la deforestazione galoppa in Brasile, in Europa arriva un grande carico di soia

Mentre la deforestazione galoppa in Brasile, in Europa arriva un grande carico di soia

15 Luglio 2020

"La "Pacific South", una nave mercantile proveniente dal Brasile con...

GLI ITALIANI TORNANO A FARE SPORT L’ORTOPEDICO BENAZZO: ECCO IL DECALOGO PER ALLENARSI IN SICUREZZA

GLI ITALIANI TORNANO A FARE SPORT L’ORTOPEDICO BENAZZO: ECCO IL DECALOGO PER ALLENARSI IN SICUREZZA

15 Luglio 2020

Dopo il periodo di interruzione, dovuto al Covid-19, la ripresa...

Cancro al colon-retto: la scoperta che facilita l’inibizione del gene “incurabile”

Cancro al colon-retto: la scoperta che facilita l’inibizione del gene “incurabile”

15 Luglio 2020

Pubblicato sulla rivista “Cancer Discovery” lo studio che suggerisce come...

Al confine fra gli stati della materia: Milano-Bicocca sintetizza il primo materiale dinamico

Al confine fra gli stati della materia: Milano-Bicocca sintetizza il primo materiale dinamico

15 Luglio 2020

Dotare la materia solida della massima mobilità possibile, senza modificare...

Proteggiamo la grande bellezza di squali e razze nel Mediterraneo

Proteggiamo la grande bellezza di squali e razze nel Mediterraneo

14 Luglio 2020

Ieri la denuncia sulla pesca illegale nel Mediterraneo con le...

Mercoledì, 13 Maggio 2020


Lo studio italiano dei gruppi di ricerca della Sapienza e dell’Università di Camerino ha identificato in una molecola, l’oleoiletanolamide, un nuovo strumento farmacologico per prevenire e contrastare il disturbo da alimentazione incontrollata. I risultati del lavoro sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista Neuropsychopharmacology
Durante questo periodo unico nella storia moderna rifugiarsi nel cibo è per molte persone un modo per sfuggire alle emozioni negative e per gratificarsi attraverso i piaceri della vita. Questo perché molti alimenti, soprattutto quelli ricchi di zuccheri, costituiscono una fonte di energia immediatamente disponibile per l’organismo e allo stesso tempo stimolano la trasmissione dopaminergica nel cervello, il neurotrasmettitore associato alla motivazione e al senso di gratificazione.

Si tratta di una normale risposta fisiologica allo stress che, tuttavia, in molti individui diventa un comportamento compulsivo, incontrollabile e ripetitivo che spesso sfocia in una vera e propria patologia. È il caso del Binge Eating Disorder (BED) il disturbo alimentare più comune, caratterizzato da episodi ricorrenti di abbuffate fuori controllo, analoghe a quelle della bulimia, non seguiti da atti compensatori o di eliminazione (come l’induzione del vomito o l’auto-somministrazione di lassativi). Chi ne è affetto sviluppa nel tempo obesità grave, oltre a un marcato disagio psicologico, caratterizzato da depressione, ansia, bassa autostima o altri problemi che possono influenzare notevolmente la qualità della vita.

Pubblicato in Medicina

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery