Scienzaonline - Ultimi Articoli

Ridurre la complessità del genoma umano mediante i frattali

Ridurre la complessità del genoma umano mediante i frattali

25 Maggio 2022

Un nuovo strumento per affrontare questa sfida arriva dalla matematica,...

Nuovo pomodoro biofortificato contrasta la carenza di Vitamina D

Nuovo pomodoro biofortificato contrasta la carenza di Vitamina D

25 Maggio 2022

Da uno studio condotto dall’Istituto di scienze delle produzioni alimentari...

Metabolismo:scoperto nuovo meccanismo della funzione anti-diabetica e termogenica del tessuto adiposo bruno

Metabolismo:scoperto nuovo meccanismo della funzione anti-diabetica e termogenica del tessuto adiposo bruno

23 Maggio 2022

La ricerca riguarda il tessuto adiposo bruno, che svolge una...

IL CUORE CHE SI "EMOZIONA" E GUIDA IL NOSTRO CERVELLO

IL CUORE CHE SI "EMOZIONA" E GUIDA IL NOSTRO CERVELLO

23 Maggio 2022

Lo studio dell’Università di Pisa in collaborazione con l’Università di...

Un ululato dal Medioevo

Un ululato dal Medioevo

23 Maggio 2022

Uno studio multidisciplinare firmato dalle Università Sapienza, Bologna e Parma...

Alzheimer: nuovi elementi per comprendere la neurodegenerazione

Alzheimer: nuovi elementi per comprendere la neurodegenerazione

19 Maggio 2022

Uno studio svolto dai ricercatori dell’Istituto di neuroscienze del Consiglio...

Misurare il pH intracellulare, in modo automatico e veloce

Misurare il pH intracellulare, in modo automatico e veloce

19 Maggio 2022

Elaborata una nuova metodologia, efficace e accurata, per rilevare la...

Giovedì, 03 Febbraio 2022

 

Un importante studio internazionale del Centro di Ricerca Pediatrica Romeo ed Enrica Invernizzi dell’Università Statale di Milano e dell’Ospedale Sacco di Milano in collaborazione con la Harvard Medical School identifica un meccanismo determinante nella perdita di beta cellule in corso di diabete.

La scoperta apre la via ad una opzione terapeutica di grande rilevanza clinica. Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista Nature Communications.

Una ricerca sviluppata dai ricercatori del Centro di Ricerca Clinica Pediatrica Romeo ed Enrica Invernizzi dell'Università Statale di Milano in collaborazione con altri centri tra cui l’Università di Pisa e la Harvard Medical School di Boston, con la Prof.ssa Francesca D'Addio come primo autore, ha identificato un meccanismo determinante nella perdita di beta cellule in corso di diabete, scoprendo come disattivarlo farmacologicamente. I risultati del lavoro sono stati appena pubblicati sulla rivista internazionale Nature Communications, una delle più prestigiose in ambito di medicina sperimentale con applicazione clinica. Gli scienziati hanno individuato quale fattore determinante per la morte delle cellule pancreatiche il malfunzionamento della interazione tra due recettori - asse IGFBP3 e TMEM219 - scoprendo che il blocco farmacologico dell’asse è in grado di proteggere le beta cellule pancreatiche dalla morte cellulare e di prevenire l’insorgenza di diabete in modelli murini. Questo risultato è stato confermato dall’inibizione genetica selettiva di TMEM219 sulle beta cellule pancreatiche in vivo, che consente di preservare e proteggere la massa beta cellulare in corso di diabete.

Pubblicato in Medicina
Giovedì, 03 Febbraio 2022 10:57

Microorganismi fecali nella laguna di Venezia


Uno studio coordinato dal Cnr-Irbim di Ancona in collaborazione con il Cnr-Igg di Padova ha evidenziato la presenza di diversi tipi di contaminanti, principalmente di origine fecale, nelle acque della laguna di Venezia. Il lavoro è stato pubblicato su Science of the Total Environment
Un mosaico di contaminanti di natura microbica è presente nel la laguna di Venezia. Uno studio pubblicato sulla rivista scientifica internazionale Science of the Total Environment dall’Istituto per le risorse biologiche e le biotecnologie marine di Ancona (Irbim) in collaborazione con l’ Istituto di geoscienze e georisorse di Padova (Igg) del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e la Michigan mTechnology University (USA) , ha rilevato nella laguna di Venezia la presenza di diversi tipi di microorganismi, soprattutt o di natura fecale, potenzialmente pericolosi per l’uomo.

Pubblicato in Ambiente

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery