Caccia aperta al satellite cinese Tiangong-1

Comunicato La Sapienza 14 Feb 2018
579 volte

Ricercatori della Sapienza hanno estrapolato le “curve di luce” per la predizione dell'orientamento prima dell’impatto sulla Terra. La rete di monitoraggio ha colto l’oggetto in un passaggio veloce per ben 6 minuti e acquisito un campione video del modulo spaziale dichiarato fuori controllo circa un anno fa.

Da ormai un anno il laboratorio spaziale Tiangong-1, che fa parte del progetto di Stazione spaziale cinese, è stato dichiarato fuori controllo. Si tratta di un modulo orbitante di notevoli dimensioni, con una larghezza di 16 metri e una massa complessiva di oltre 8 tonnellate. Inizialmente previsto per la seconda metà del 2017, il rientro in atmosfera è ormai confermato per i primi mesi del 2018 e si fa sempre più fervente il lavoro della comunità scientifica per individuare il punto di caduta della pioggia di detriti che potrebbe derivarne. Finora è stato accertato che le parti che sopravviveranno al calore del rientro in atmosfera impatteranno la superficie terrestre in una zona inclusa fra il 43° parallelo nord e il 43° parallelo sud, un’area comprendente anche parte dell'Italia, da Firenze in giù.

Anche Sapienza è in prima linea in questa attività, con il Gruppo di studio S5 Lab coordinato da Fabrizio Piergentili e Fabio Santoni dei dipartimenti di Ingegneria meccanica e aero-spaziale e Ingegneria astronautica, elettrica ed energetica; già da tempo la sua rete di osservatori per il monitoraggio dei detriti orbitanti studia le mosse del “Palazzo celeste” (questa la traduzione dal cinese di Tiangong). La Sapienza Scientific Observatory Network (Sson) è costituita da alcuni osservatori gestiti direttamente dall’università, dislocati sul territorio nazionale (Mito-Roma, Scudo-Collepardo, Resdos-Avezzano, Surge-Collepardo, eduscope-Roma) e in Kenya, presso il Broglio Space Center (EQUO-OG-base di Malindi, EQUO-OS-piattaforma off-shore Santa Rita), nonché da una serie di osservatori che collaborano su particolari progetti scientifici, sempre collegati all’osservazione di detriti spaziali, tra cui Magellan con i suoi 6,5 metri di diametro e MODEST (Michigan Orbital DEbris Survey Telescope), entrambi in Cile, Loiano vicino a Bologna, l'Osservatorio astronomico di Campocatino dell'Associazione astronomica frusinate e Zimmersmart, dell’Università di Berna.

“Di prassi il rientro dei satelliti dovrebbe avvenire in maniera controllata, imponendo da Terra una traiettoria che porti eventuali residui a impattare in zone disabitate, per lo più nell’area del Pacifico - spiega Fabrizio Piergentili -  ma in questo caso partiamo da condizioni differenti, perché non è possibile intervenire e modificare la rotta del modulo fuori controllo e la comunità scientifica internazionale sta lavorando per affrontare la nuova problematica” In questo ambito, il primo dato di notevole valore scientifico e tecnologico è stato ottenuto dall’osservatorio NPC-Sapienza che è riuscito a inseguire l’oggetto in un passaggio veloce per ben 6 minuti: è stato infatti acquisito un campione video inseguendo Tiangong-1dall’osservatorio di Imola, utilizzando un sistema di puntamento e inseguimento di oggetti in orbita terrestre, specificamente sviluppato per questo scopo. Questo sistema si basa sulla montatura altazimutale Moral per telescopi classe 1m, realizzata dalla divisione Spacemind della New Production Concept (Npc), in collaborazione con lo spin-off della Sapienza “Roboptics”.

Npc è un azienda operante, tramite la sua divisione Spacemind, nel settore spaziale e orientata alla fornitura di sistemi nanosatellitari e strumentazioni professionali che da tempo collabora con Sapienza e in particolare con lo spin-off Roboptics nella ricerca di soluzioni tecniche e scientifiche per sviluppare prodotti innovativi. Dal materiale ottenuto, i ricercatori sono riusciti a estrapolare le cosiddette “curve di luce” del modulo, estremamente utili per determinarne le variazioni di orientamento nello spazio. Quest’importante risultato, possibile grazie all’intensa sinergia tra accademia e industria, è di fondamentale importanza per il monitoraggio del rientro della stazione Tiangong-1 e la predizione della sua traiettoria.

“Questo successo incoraggia a proseguire nella sperimentazione di strumenti di osservazione innovativi, per consolidare le attività di monitoraggio e sorveglianza degli oggetti in orbita terrestre, in risposta all’ormai sempre più pressante problema degli space debris - sottolinea Fabio Santoni - argomento sul quale il nostro gruppo di ricerca sta lavorando da anni, anche grazie al supporto dell’Agenzia Spaziale Italiana, affinando nuovi strumenti tecnologici e scientifici al servizio della comunità internazionale”.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Altro in questa categoria: « IRIS… sotto al Sole

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery